La Grande Guerra

la grande guerra

Una serie racconta il Primo Conflitto Mondiale

Un serie del 2008 racconta, in 46 brevi episodi, gli avvenimenti fondamentali che hanno portato allo scoppio della Prima Guerra Mondiale e alle conseguenze che il conflitto ha trascinato con sé. Dai contemporanei fu chiamata inizialmente Guerra Europea ma con il coinvolgimento delle colonie dell’Impero britannico e di altri paesi extraeuropei, tra cui gli Stati Uniti d’America e il Giappone, ha preso il nome di Grande Guerra: il più grande conflitto armato mai combattuto fino alla Seconda Guerra Mondiale.

Attraverso l’utilizzo di immagini d’epoca, la serie ricostruisce fedelmente il contesto storico, politico e sociale che ha posto le basi per la crescita e lo scoppio del conflitto. 28 luglio 1914 l’Impero austro-ungarico dichiara guerra al Regno di Serbia mettendo ufficialmente fine ad un lungo periodo di pace e sviluppo economico della storia europea, noto come Belle Époque. 11 novembre 1918 la Germania, ultimo degli Imperi centrali a deporre le armi, firma l’armistizio.

Guarda il Trailer

Sfoglia tutti gli episodi che raccontano la Grande Guerra

Settimana dopo settimana usciranno tutti gli episodi che ripercorrono il Primo grande conflitto mondiale. Iscrivi alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nuove uscite! Ogni episodio è diponibile alla visione sulla piattaforma streaming gratuita TecaTV (la WebTV della Cineteca).

Episodio 01 - Le origini del conflitto

Il primo episodio cerca di far luce sulle origini che hanno portato allo scoppio del conflitto partendo dall’analisi del contesto politico e sociale dei primi anni del Novecento. I filmati d’epoca accompagnano l’intero racconto e si fanno prova e testimonianza di ciò che davvero è accaduto.

GUARDA ADESSO LA PRIMA PARTE

GUARDA ADESSO LA SECONDA PARTE

Episodio 02 - Dalla mobilitazione alla guerra in trincea

Quali sono gli umori dei vari paesi dopo l’attentato di Sarajevo? A Vienna governa la collera, a Belgrado l’apprensione, a Berlino domina la calma e la sensazione di essere sull’orlo di una crisi internazionale sembra lontana, la vita procede tranquilla anche a pochi giorni dallo scoppio delle ostilità. Ma il giorno 25 luglio del 1914 alle ore 15:00 la Serbia decide la mobilitazione.

GUARDA ADESSO LA PRIMA PARTE

GUARDA ADESSO LA SECONDA PARTE

Episodio 03 - L'Italia in guerra: Isonzo fiume di sangue

In questo episodio si getta uno sguardo più approfondito sul panorama italiano dei primi anni del Novecento. Dal terremoto che colpisce Messina e Reggio Calabria nel 1908, alla guerra italo-turca combattuta dal Regno d’Italia contro l’Impero ottomano tra 1911 e 1912, ma si osserva la penisola anche sotto il punto di vista culturale e artistico che si evolve insieme a uno spirito nazionalistico sempre più determinante. Il confine politico italiano esclude le terre del Trentino e Venezia Giulia, dell’Istria con Trieste e Fiume, zone da conquistare a tutti i costi per completare l’opera del Risorgimento. Irredentisti, nazionalisti, dannunziani, sindacalisti rivoluzionari, socialisti riformisti, repubblicani, radicali, futuristi e garibaldini invocano con tutte le forze l’entrata in guerra dell’Italia. Ispiratore del movimento interventista: Gabriele D’Annunzio. Questo episodio analizza tutti i fattori sociali, politici e culturali che portano l’Italia all’entrata in guerra.

GUARDA ADESSO LA PRIMA PARTE

GUARDA ADESSO LA SECONDA PARTE

Episodio 04 - Inferno sul fronte occidentale

Il fronte occidentale, nella Prima Guerra Mondiale, si aprì nell’agosto del 1914 e fu sin da subito teatro di numerosi scontri. Tuttavia, è dal 1915 al 1918 che su questo fronte ebbero inizio una serie di sanguinose offensive e controffensive che avevano lo scopo di sfondare le linee avversarie per rompere lo stallo sul quale si erano immobilizzati gli eserciti. La battaglia di Verdun è solo uno degli scontri che hanno interessato questo fronte.

GUARDA ADESSO LA PRIMA PARTE

GUARDA ADESSO LA SECONDA PARTE

Episodio 05 - Adamello: la guerra a quota 3000

Sulle montagne del gruppo dell’Adamello, dal maggio 1915 al novembre 1918, si combatté una guerra violenta e sanguinosa, in condizioni ambientali e climatiche disumane. Il comando italiano effettuò ripetuti tentativi allo scopo di far allontanare il nemico da queste posizioni dominanti ma non ottenne alcun risultato. L’ennesimo attacco venne sferrato dal battaglione Morbegno all’alba del 9 giugno 1915…

GUARDA ADESSO LA PRIMA PARTE

GUARDA ADESSO LA SECONDA PARTE

Episodio 06 - Il fronte occidentale dopo Tannenberg

Dopo la grande vittoria tedesca di Tannenberg che ha distrutto due armate russe, agli inizi del 1915 il fronte orientale è l’unico ancora in movimento. In tutti gli altri settori interi eserciti sono praticamente immobili in trincee circondate di filo spinato… Quali sono le dinamiche che sbloccheranno i vari fronti da questa situazione di stallo?

GUARDA ADESSO LA PRIMA PARTE

GUARDA ADESSO LA SECONDA PARTE

Episodio 07 - Gorizia, Trieste e l'operazione K

Dopo la tregua invernale, nella primavera del 1916 si svolge un’azione dimostrativa che prende il nome di “quinta battaglia dell’Isonzo”, tuttavia questa battaglia non modifica la situazione complessiva nonostante alcuni avanzamenti italiani sul Carso. In questo episodio vediamo più nel dettaglio le posizioni di Gorizia e Trieste e lo sviluppo della cosiddetta “operazione K”.

GUARDA ADESSO LA PRIMA PARTE