Ultima dimora: Camposampiero

Ultima dimora: Camposampiero. Un piccolo ridente paese della pianura padovana non molto lontano dalla città. Una torre lo domina, ricordo di antiche dominazioni, di tempi pieni di violenze e intolleranze. Ma l’animo si rasserena alla vista di una minuscola chiesetta che chiude un viale tranquillo fiancheggiato da sottili alberi ombrosi. Lì si respira un’aria dolce di misticismo e di pace perché quello è l’oratorio del Noce. Dove ora c’è un altare all’epoca sorgeva un noce sul quale Sant’Antonio era solito predicare negli ultimi mesi della sua vita terrena.

Uscendo dalla chiesetta ci si sente leggeri, più vicini all’aura miracolosa di cui qualcosa è rimasto in questa chiesa, in questo viale, in questo bel tempio che i fedeli vollero erigere a ricordo del tranquillo soggiorno di Sant’Antonio, sui resti dell’antico convento dei francescani.

I giovani devoti di Sant’Antonio

Accanto alla chiesa è sorto un collegio. Possiamo seguire la vita quotidiana degli allievi che congiungono la più tenera devozione figliare per il loro Santo con gli svaghi naturali alla loro età e con i doveri che essa comporta. Entrano in religioso silenzio nella chiesa e pregano per un fausto avvio della laboriosa giornata. Si recano poi nelle aule per i loro studi. Ultima dimora: Camposampiero narra di una giornata in compagnia dei giovani devoti di Sant’Antonio, un piccolo documentario dalle dense tematiche religiose.

Sorgente: pellicola 16mm, sonoro, colore.

Ultima dimora: Camposampiero è una pellicola che fa parte del patrimonio storico cinematografico conservato presso il nostro archivio, in particolare presso l’Archivio Storico dell’Istituto San Gaetano; è possibile guardare l’intero filmato registrandosi gratuitamente sulla piattaforma tecatv.com.

Category
Istituto San Gaetano
Tags
chiesa, cultura, Padova, religione, Sant'Antonio, società, storia