Luanda porto africano

Luanda porto africano è un documentario di Victor de Sanctis che fornisce una panoramica dell’Angola, in particolare della vita che circonda il porto di Luanda. Il porto di Luanda rappresenta un capolinea importante del traffico marittimo dove si può misurare lo sviluppo agricolo e industriale di un paese. Luanda è una graziosa città, colonizzata dai portoghesi nel 1493 e, per secoli, le due produzioni principali sono state croci e spade. Un viaggio tra le strade del centro e della periferia, alla scoperta di usi e costumi di un luogo con sembianze europee ma che conserva il fascino di un ambiente incontaminato.

Il porto

Uomini e merci in arrivo o in partenza come in tutti i porti del mondo. Ma qui siamo in Angola, nel porto di Luanda. Il porto, con un’area di dodici chilometri quadrati, smista ogni anno oltre due milioni di tonnellate di merci. Provenienza o destinazione non soltanto l’Angola ma anche paesi dell’interno come il Congo, lo Zambia grazie a una linea ferroviaria che attraversa tutto il continente.

L’Africa in cammino

Luanda porto africano è un documentario di Victor de Sanctis che descrive il porto e le potenzialità industriali e agricole dell’Angola come un occasione per l’Italia e per l’Africa di scambio di merci tra due paesi diversi e amici. De Sanctis mostra un’Africa in cammino, di uno di quei paesi che aspirano a inserirsi nel grande dialogo dei popoli da pari a pari.

Sorgente: pellicola 16mm, sonoro, colore.

La pellicola fa parte del patrimonio storico cinematografico conservato all’interno dell’Archivio De Sanctis; è possibile guardare l’intero filmato registrandosi gratuitamente sulla piattaforma tecatv.com.

Category
Victor De Sanctis
Tags
Africa, Angola, coltura, cultura, etnie, industria, lavoro, natura, popoli, porto, sviluppo, tradizione