Di seguito le notizie presenti nel cinegiornale di attualità Obiettivo 56

Digitalizzazione a cura di Cineteca del Veneto e Running TV.

Guarda il cinegiornale gratuitamente su TecaTV

Sorgente: pellicola 35mm, sonoro ottico integrato, bianco e nero.

Produzione: Italia – 1963.

65° fiera dell’agricoltura e della zootecnia

Cinegiornale Obiettivo 56: Alla presenza di autorevoli esponenti del governo e del mondo produttivo, si apre a Verona la 65° fiera internazionale dell’agricoltura e della zootecnia. Un punto di incontro tra i settori agricoli e industriali per un esame delle prospettive di comune sviluppo. Di particolare interesse, oltre a un nuovo trattore a benzina presentato per la prima volta, anche una serie di preparati antiparassitari che pur distruggendo gli insetti non sono assolutamente nocivi all’uomo. Con la sua vasta gamma di prodotti, la fiera costituisce un valido centro di raccolta degli operatori europei. Fornisce l’occasione per un attento panorama del settore. Nel settore di mangimi, vengono presentate anche le migliori marche d’integrativi zootecnici. Alla rassegna veronese hanno partecipato oltre tremila espositori. Presentata anche una motozappa che riesce a dissodare anche le colline, in tal modo la gravosità del lavoro contadino diventa una leggenda da sfatare.

11 Marzo 1963, Roma. Amintore Fanfani di ritorno all’aeroporto di Ciampino dopo la visita in Marocco

Cinegiornale Obiettivo 56: Accolto dall’onorevole Amintore Fanfani e da altre personalità di Governi, il Presidente della Repubblica Antonio Segni giunge all’aeroporto di Ciampino dopo la visita in Marocco. Il viaggio del Presidente Segni è significativo nelle relazioni tra i due paesi perché nelle prospettive di una nuova Europa, il mondo africano possa non sentirsi escluso da pregiudizi colonialisti ormai storicamente superati. Il bilancio della visita a Rabat è nella consapevolezza che il Marocco con la sua recente indipendenza ha bisogno di una sana politica di sviluppo che tenga conto delle più convenienti solidarietà economiche, politiche, geografiche e umane e questa è proprio la solidarietà che il governo italiano intende offrire nell’allargamento della sua area